Progetto IL PAESE CHE SONO IO Mostra itinerante che coinvolge bambini di ogni età ed adulti


lunedì, 29 aprile 2019
IMG-20190429-WA0002.jpg

Presso la scuola media di Piasco è visitabile la mostra in orario scolastico fino al 14 maggio. 

La fondazione Paideia è un'associazione molto nota nel territorio per il lavoro che svolge con le famiglie dei ragazzi disabili e ad ampio raggio su diversi aspetti della disabilità con attenzione alla formazione di docenti e operatori del settore.  Le docenti Silvia Bardellotto e Laura Quaglia intendono promuovere questo progetto, inerente il tema dell'inclusione con particolare riferimento alla disabilità e che sarà sviluppato nella parte laboratoriale con un taglio rivolto alla prevenzione del bullismo. Il progetto della fondazione Paideia prevede: - l'allestimento di una mostra itinerante ormai ampiamente collaudata in diverse occasioni (in un primo tempo sarà allestita nella secondaria di Piasco ma potrebbe poi essere spostata in altri plessi) e un corso di formazione per i docenti già realizzato.

Come sono i nostri occhi quando si posano sugli altri? Con lo sguardo si possono creare distanze e costruire muri... Insieme a dieci bambini con disabilità abbiamo cercato questo sguardo... Davanti allo specchio hanno narrato di sé. Scrivere la loro storia è stato come tracciare la geografia di un paese visitato. Andrea Guermani, affermato fotografo, l’ha fotografato, cogliendo in uno scatto l’invisibile paesaggio dentro ognuno. Quella storia, ovvero quel paese, andava poi dipinta in un ritratto! Coco Cano, pittore uruguayano, ha accompagnato i ragazzi nella creazione del loro ritratto. La storia Il paese che sono io è il filo conduttore da seguire lungo la mostra, unisce tutti; l’autrice è Anna Peiretti. Dieci mondi, dieci storie, dieci volti. Lo sguardo è un viaggio, ci porta dentro le storie degli altri, unisce paesi e abbatte confini. 

ALLEGATI

Questo sito utilizza cookie tecnici.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie